Cittadinanza dello Spirito — una visione profetica di Gesù, per mezzo di Giovanni

Fonte: Riflessione di Buona Volontà tratta dal libro “Jesus e a Cidadania do Espírito” [Gesù e la Cittadinanza dello Spirito] dell’ottobre 2019

Come scrissi in Jesus, o Profeta Divino [Gesù, il Profeta Divino] (2011), il Saggio dei Millenni offre a tutti l’ingresso senza indugi a una nuova fase, in cui la vivenza della Pace legittima sarà l’esistere naturale per il Cittadino dello Spirito:

Che altro è la tenebra se non oscurità? Si tratta della peggiore ignoranza. Da cui ci si può aspettare soltanto violenza e ogni sorte di dolore. Essa risulta, innanzi tutto, dalla mancanza del sapere fondamentale che proviene dallo Spirito illuminato perché la cittadinanza, in verità, ha inizio nel Mondo Invisibile. Tuttavia quando i governanti delle nazioni comprenderanno questo? Il governo della Terra ha inizio in Cielo — un giorno l’essere umano, in beneficio proprio, imparerà questa massima. Disconoscere la Verità infinita significa soffrire le conseguenze del pensiero sgovernato*.

Si osservi com'è splendida la visione profetica del Cristo nel suo Apocalisse, 1:4 a 6:

Dedica alle Sette Chiese dell’Asia

4 Giovanni, alle Sette Chiese che sono in Asia: Grazia a voi e pace da Colui che è, che era e che viene, dai Sette Spiriti che stanno davanti al suo trono.

5 e da Gesù Cristo, il Testimone Fedele, il Primogenito dei morti e il Sovrano dei re della Terra. A Colui che ci ama e, con il suo sangue, ci ha liberati dai nostri peccati,

che ha fatto di noi un regno di sacerdoti per il suo Dio e Padre, a Lui la gloria e la potenza nei secoli dei secoli. Amen!

Per amarci molto, com'è scritto nel quinto versetto, Egli si sacrificò per noi. E con il suo sangue e cioè, con gli esempi inauditi di perseveranza in Dio, il Signore della Pace ci lasciò insegnamenti trasformatori e ci liberò dai nostri peccati, che non sono altro che la disconoscenza delle Leggi Divine. Fece calare sulla Terra il bagno lustrale delle Eccelse Lezioni, Cosmiche, origine della Cittadinanza dello Spirito. A tutti coloro che cercano di mitigare la sete presso l’inesauribile Fonte disposta a tutti dal Sublime Provveditore, Egli concede il diritto di accedere alla Cittadinanza Spirituale.

Tuttavia soltanto nella misura in cui ci liberiamo dall’ignoranza delle Norme Eterne formiamo il regno (e cioè, Autorità Spirituale) e sacerdoti (e cioè, virtù religiosa) per il «suo Dio e Padre». Quindi non per un potere fugace, una religiosità effemera, una cittadinanza che verrà diprezzata nel corso dei secoli.

Giovanni e gli Spiriti di Dio esclamano inoltre nel versetto 6: «a Lui la gloria e la potenza nei secoli dei secoli. Amen!»

E giungiamo al settimo versetto del primo capitolo dell’Apocalisse del Cristo. È straordinario! Conforta le nostre Anime perché annuncia il Ritorno Trionfale del nostro vero, inestimabile Amico Gesù: «Ecco, che Gesù viene sulle nubi e ogni occhio lo vedrà, anche quelli che lo hanno trafitto. E tutte le nazioni della Terra faranno lamenti per Lui. Certamente. Amen!» (Apocalisse, 1:7).

Grazie a Dio! Si tratta della consolidazione definitiva della Società Solidale Altruista Ecumenica, la piena Cittadinanza Spirituale.

Dinanzi a questo tutti noi, Cittadini dello Spirito, consci del nostro ruolo negli Universi, invochiamo: Ora vieni, Signor Gesù! 

__________________________

* Pensiero sgovernato: Pensiero senza qualsiasi disciplina etica, cui buon senso proteggerebbe la creatura umana dagli innumerevoli equivoci con danni alla sua salute spirituale e materiale. Altre spiegazioni nel secondo volume delle Sagradas Diretrizes Espirituais da Religião de Deus, do Cristo e do Espírito Santo [Sacre Linee Guida Spirituali della Religione di Dio, del Cristo e dello Spirito Santo] (1990), e nel libro A Missão dos Setenta e o “lobo invisível” [La Missione dei Settanta e il “lupo invisibile”] (2018).

José de Paiva Netto è scrittore, giornalista, conduttore radiofonico, compositore e poeta. È presidente della Legione della Buona Volontà (LBV) e membro effettivo dell’Associazione Brasiliana di Stampa (ABI), della Associazione Brasiliana di Stampa Internazionale (ABI-Inter), della Federazione Nazionale dei Giornalisti (Fenaj), della International Federation of Journalists (IFJ), del Sindacato dei Giornalisti Professionali dello Stato di Rio de Janeiro, del Sindacato degli Scrittori di Rio de Janeiro, del Sindacato dei Radiocomunicatori di Rio de Janeiro e dell’Unione Brasiliana dei Compositori (UBC). Inoltre fa parte dell’Accademia di Lettere del Brasile Centrale. É un autore riconosciuto internazionalmente per la concettualizzazione e la difesa della causa della Cittadinanza e della Spiritualità Ecumeniche che, secondo lui, costituiscono «la culla dei valori più generosi che nascono dall’Anima, la dimora delle emozioni e del raziocinio illuminato dall’intuizione, l’atmosfera che avvolge tutto ciò che trascende il campo volgare della materia e proviene dalla sensibilità umana elevata, ad esempio della Verità, della Giustizia, della Misericordia, dell’Etica, dell’Onestà, della Generosità, dell’Amore Fraterno».