Anno Nuovo ed autostima

Ogni anno che viene rinnova la speranza di giorni più felici. Vengono fatte previsioni, stabilite mete. Tuttavia, non cambierà nulla se non ci rendiamo conto che dietro all’ideologia di un mondo migliore è indispensabile, prima di tutto, adottare un’attitudine intima, spirituale ed ecumenica, concretata da buone azioni. Decenni or sono, interpellato sulle aspettative per il nuovo anno in arrivo, esclamai: Anno Nuovo! Buon Anno? Dipende da noi!

IL DONO DELLA VITA

La sofferenza è una realtà. Ma dovrà essere così eternamente? La vita è un dono. L’Essere Umano, però, deve riconoscere il suo proprio valore che ha inizio sul Piano Spirituale, da dove tutti siamo venuti. Quando si parla di sviluppo dell’autostima tra la popolazione alle volte si pensa soltanto a chi è “sfavorito dalla sorte”. Questi, in diverse occasioni dimostra più forza di volontà di colui che ha una “buona posizione”. Altrimenti, come spiegheremmo la sua sopravvivenza? Vediamo l’esempio delle madri povere. L’élite di un Paese è il suo popolo; ciò significa affermare che è in tale modo che dev’ essere trattato, affinché qualsiasi nazione possa crescere. Non è da invidiare “chi sta bene”. Intanto che lo si fa, non si progredisce. Ricordo che a scuola imparai che Edoardo VIII (1894-1972) – quel re che abdicò al trono d’Inghilterra perché s’innamorò dell’americana Wallis Simpson – aveva, diciamo, una bassissima autostima. Il padre Giorgio V, un dominatore, non gli dava credito. Quindi, non giudicate soltanto dall’apparenza o dalla posizione sociale delle creature quando l’argomento è psicologico.

La nostra forza viene da dentro. Quindi la preghiera è un fattore essenziale per fortificarci. Non è il nascondiglio dei vigliacchi. Pregare irrobustisce! Per questo concludo queste semplici parole con una preghiera di Gesù. Siccome sapeva che le creature sono sempre frettolose, lasciò una preghiera breve, anche se molto efficace. Perfetta per cominciare l’anno, o in qualsiasi momento: È la Preghiera Ecumenica del Cristo, il Padre Nostro, che dice:

Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo Nome.
Venga il tuo Regno.
Sia fatta la tua Volontà, come in Cielo così in Terra.
Dacci oggi il nostro pane quotidiano.
Rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori.
E non ci indurre in tentazione, 
ma liberaci dal male.
Tuo è il Regno, la Potenza e la Gloria nei secoli dei secoli.
Amen!

Che questo messaggio possa averle fatto bene, in modo che Lei possa credere ancora di più nella preziosità della Sua esistenza e proseguire perché Dio è presente! E se per caso è ateo prosegui, facendo però il Bene, poiché vivere ne vale la pena.

TOM JOBIM ED IL PARLAMUNDI DELLA LBV

Il Parlamento Mondiale della Fraternità Ecumenica a Brasilia, Brasile, ha commemorato il 25 dicembre scorso 18 anni di esistenza. Da quando fu fondato nel Natale di Gesù del 1994, il ParlaMundi della LBV è diventato riferimento di un locale aperto allo scambio di idee e di proposizioni ecumeniche per la Pace Mondiale!

Uno dei suoi incentivatori più ragguardevoli, Tom Jobim, l’indimenticabile esponente della musica brasiliana e uno dei creatori della Bossa Nova, prima di ritornare alla Patria Spirituale l’8/12/1994, documentò la sua affettuosità nei confronti dell’iniziativa in un clip per la TV: «Io credo nella vita e amo vivere. Questo appare nelle mie composizioni. Ma adesso voglio invitarti a cantare una canzone differente. Il Parlamento Mondiale della Fraternità Ecumenica è la Sinfonia della Solidarietà Universale».

Caro Tom, ovunque Lei sia, poiché i morti non muoiono, riceve il nostro omaggio più sincero per il contributo a favore della compresione fra i popoli. Le Sue canzoni immortalano l’amore ed il rispetto per la vita, primo passo per la nascita di una nuova società veramente solidale.

RINGRAZIAMENTO

Desidero ringraziare la grande quantità di lettere, e-mails e biglietti che ho ricevuto in occasione del Natale Permanente di Gesù e dell’arrivo di un altro anno. Ricambio le tante manifestazioni di amicizia, augurandoVi un 2013 colmo di realizzazioni nel Bene. Che Gesù, il Cristo, ci inspiri a condurre per il meglio le nostre vite, rafforzando nei nostri cuori il sentimento di solidarietà e di pace!

José de Paiva Netto è scrittore, giornalista, conduttore radiofonico, compositore e poeta. È presidente della Legione della Buona Volontà (LBV) e membro effettivo dell’Associazione Brasiliana di Stampa (ABI), della Associazione Brasiliana di Stampa Internazionale (ABI-Inter), della Federazione Nazionale dei Giornalisti (Fenaj), della International Federation of Journalists (IFJ), del Sindacato dei Giornalisti Professionali dello Stato di Rio de Janeiro, del Sindacato degli Scrittori di Rio de Janeiro, del Sindacato dei Radiocomunicatori di Rio de Janeiro e dell’Unione Brasiliana dei Compositori (UBC). Inoltre fa parte dell’Accademia di Lettere del Brasile Centrale. É un autore riconosciuto internazionalmente per la concettualizzazione e la difesa della causa della Cittadinanza e della Spiritualità Ecumeniche che, secondo lui, costituiscono «la culla dei valori più generosi che nascono dall’Anima, la dimora delle emozioni e del raziocinio illuminato dall’intuizione, l’atmosfera che avvolge tutto ciò che trascende il campo volgare della materia e proviene dalla sensibilità umana elevata, ad esempio della Verità, della Giustizia, della Misericordia, dell’Etica, dell’Onestà, della Generosità, dell’Amore Fraterno».