Promessa Celestiale sulla fine del Dolore

Articolo pubblicato sul Giornale «A Tribuna» edizione di venerdì, 09/01/2015.

Sfortunatamente fino ai giorni d’oggi in genere ci ricordiamo di Dio soltanto quando seri problemi bussano all’uscio della nostra vita. È quel che si vede di più. Tuttavia, ciò nonostante Egli si fa presente con il suo Amore verso tutti i suoi figli indipendentemente da credenze o miscredenze, nelle sue diverse gradazioni. Basta vedere i notevoli modelli di Fede, di superamento del Dolore presenti lungo tutta la giornata umana.

Shutterstock

Giovanni Evangelista

E inoltre: la sua Promessa al riguardo della fine del Dolore punitivo – che esiste soltanto a causa dei cattivi atti dell’essere umano – la troviamo nell’Apocalisse di Gesù 21:3 - 5, secondo la narrativa del Profeta di Patmo, Giovanni Evangelista:

«[3] Udii allora una voce potente venuta dal trono, [nella Nuova Gerusalemme], che diceva: Ecco la dimora di Dio con gli uomini! Dio dimorerà tra di loro ed essi saranno suo popolo, ed Dio sarà il “Dio-con-loro”.

«[4] E tergerà ogni lacrima dai loro occhi; non ci sarà più la morte, né lutto, né lamento, né affanno, perchè le cose di prima sono passate.

«[5]  E Colui che sedeva sul trono disse: Ecco, io faccio nuove tutte le cose. E soggiunse: Scrivi, perché queste parole sono certe e veraci».

shutterstock

Come si può vedere l’Apocalisse di Gesù è particolarmente un messaggero di allegrie. Gli esseri umani inclinati a vedere soltanto tristezze sono quelli che nel corso dei millenni continuano a calunniarlo. Per ciò che si riferisce alle notizie relative a punizioni e dolori, esse furono seminate da noi. Cerchiamo di fare quindi, ad ogni momento, le seminature migliori! Ecco il messaggio del Profeta Giobbe sin dall’Antico Testamento della Sacra Bibbia 34:11 : «Poiché Dio ripaga l’uomo secondo il suo [proprio] operato».

Ed anche nei Salmi 37:4: «Cerca la gioia del Signore, ed Egli esaudirà i desideri del tuo cuore».

Pertanto non è da oggi che esistono gli ammonimenti.

Reprodução BV

Profeta Isaia

E guardate anche cosa rivela il Padre Celestiale, adesso attraverso il Profeta Isaia nell’Antico Testamento 65:17 - 19:

«[17] Ecco infatti Io creo nuovi cieli e nuova terra; e non si ricorderà più il passato, non verrà più in mente,

«[18] poiché si godrà e si gioirà sempre di quello che sto per creare, e farò di Gerusalemme una gioia, del suo popolo un gaudio

«[19] Io esulterò di Gerusalemme, godrò del mio popolo. Non si udranno più in essa voci di pianto, grida di angoscia».

Quando questo avverrà? Le Profezie si realizzano nel Tempo di Dio, il cui conteggio differisce da quello del calendario umano. Ma ognuno può affrettare o meno l’esperienza vissuta di quest’epoca benavventurata secondo il suo impegno personale per costruirla.

Arquivo BV

Eurípedes Barsanulfo

L’eminente educatore, politico, giornalista e medium brasiliano Eurípedes Barsanulfo (1880-1918), in un messaggio spirituale trasmesso dal sensitivo legionario Chico Periotto, segnalò la necessità di non lasciarci coinvolgere dalla sofferenza ma bensì di far fronte alle sfide sbarazzandocene e perseverando nella costruzione di tempi migliori: «Inciampate e contrattempi che hanno intralciato la nostra felicità, nonostante le piaghe a noi imposte dal dolore, scarichiamoli come un parafulmine sul suolo che ci ospita poiché stanno sorgendo nuovi tempi di amore e di allegria».

Quindi il Dolore non è un fatalismo nella vita umana. Siamo noi che lo creiamo. Pensiamoci su un momento e riconosciamo questa realtà. Se facciamo di tutto per meritarcelo, quel che ci aspetta è il meglio possibile.

 

José de Paiva Netto è scrittore, giornalista, conduttore radiofonico, compositore e poeta. È presidente della Legione della Buona Volontà (LBV) e membro effettivo dell’Associazione Brasiliana di Stampa (ABI), della Associazione Brasiliana di Stampa Internazionale (ABI-Inter), della Federazione Nazionale dei Giornalisti (Fenaj), della International Federation of Journalists (IFJ), del Sindacato dei Giornalisti Professionali dello Stato di Rio de Janeiro, del Sindacato degli Scrittori di Rio de Janeiro, del Sindacato dei Radiocomunicatori di Rio de Janeiro e dell’Unione Brasiliana dei Compositori (UBC). Inoltre fa parte dell’Accademia di Lettere del Brasile Centrale. É un autore riconosciuto internazionalmente per la concettualizzazione e la difesa della causa della Cittadinanza e della Spiritualità Ecumeniche che, secondo lui, costituiscono «la culla dei valori più generosi che nascono dall’Anima, la dimora delle emozioni e del raziocinio illuminato dall’intuizione, l’atmosfera che avvolge tutto ciò che trascende il campo volgare della materia e proviene dalla sensibilità umana elevata, ad esempio della Verità, della Giustizia, della Misericordia, dell’Etica, dell’Onestà, della Generosità, dell’Amore Fraterno».